Cosa fa la differenza
Refrigeranti: gas lesivi per l’ozono

Salvate lo strato di ozono!

Refrigeranti: gas lesivi per l’ozono

Ciò che i gestori di impianti fissi di refrigerazione e climatizzazione devono sapere sul regolamento relativo ai gas ozono.
Negli anni ‘80 fu scoperto per la prima volta che sul nostro pianeta esisteva un buco nello strato di ozono. Il protocollo di Montréal, entrato in vigore nel 1989, è stato redatto per proteggere questo strato. Sostanze chimiche come i clorofluorocarburi, meglio noti come CFC, sono i principali responsabili della distruzione dello strato di ozono.
Refrigeranti: gas lesivi per l’ozono
Refrigeranti: gas lesivi per l’ozono
Gli Stati coinvolti nell’accordo si impegnavano a limitare inizialmente la produzione di questi gas e successivamente a fermarla completamente. Se le emissioni avessero continuato a crescere come nella metà degli anni ‘80, avrebbero contribuito in maniera significativa al riscaldamento globale. Anche gli idroclorofluorocarburi (HCFC), meno pericolosi dei precedenti ma comunque dannosi per lo strato di ozono, devono scomparire completamente entro il 2040. Lo ha deciso l’emendamento di Kigali dell’ottobre 2016.
L’Unione Europea ha implementato il protocollo di Montréal con una serie di provvedimenti. Il regolamento UE n. 1005/2009 contiene misure che vietano l’utilizzo di queste sostanze. Sono inclusi anche i refrigeranti di vecchia generazione. I gestori di impianti fissi di refrigerazione e climatizzazione riempiti con refrigeranti CFC o HCFC sono direttamente interessati da questo regolamento UE.
Il divieto di utilizzare clorofluorocarburi (CFC) e idroclorofluorocarburi (HCFC) impone di sostituire gli impianti di refrigerazione e climatizzazione esistenti che impiegano CFC e HCFC con nuovi impianti o di cambiare i refrigeranti contenenti cloro con un refrigerante alternativo che ne è privo. Dal 1° gennaio 2015, gli impianti con refrigeranti CFC devono essere spenti in caso di riparazione.
Il Italia, il DPR n. 147 del 15 febbraio 2006 ha stabilito le norme e le modalità tecniche per i controlli e il recupero delle sostanze che riducono lo strato di ozono negli impianti di refrigerazione e climatizzazione. Il gestore è pertanto obbligato a eseguire controlli regolari sull’eventuale presenza di perdite (una o due volte all’anno). In caso di violazione, il gestore è soggetto a sanzioni che vanno da 3.000 a 100.000 €.

Per maggiori informazioni, puoi contattarci direttamente.
Tel.: 0471 060020
E-mail:info@kkr.it
Tutti articoli

Sempre aggiornati

…ulteriori novitá di KKR

Climatizzatore in vetta alle prestazioni
Progetti

Climatizzatore in vetta alle prestazioni

In viaggio con la freschezza
Progetti

In viaggio con la freschezza

Dichiarazione degli interventi
Novità

Dichiarazione degli interventi

Innovazioni, fatte per innovare
Progetti

Innovazioni, fatte per innovare

Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.